Sito ufficiale del comune di Tramatza

Via Tripoli, 2  - 09070  Tramatza (OR)
TEL 0783.508001 - FAX 0783.508030 -  P.IVA 00072010952
PEC protocollo@pec.comune.tramatza.or.it - MAIL protocollo@comune.tramatza.or.it

In Evidenza
Si avvisa che è in pubblicazione nell'albo pretorio dell'ente l'Ordinanza del Sindaco per il decoro delle aree verdi e prescrizioni antincendio 2017.
Dal 1° giugno al 31 ottobre, vige il periodo di " elevato pericolo di incendio boschivo", pertanto si invitano tutti i proprietari e/o conduttori dei terreni presenti in tutto il territorio comunale a mantenere l'area costantemente pulita e ordinata provvedendo alla pulizia da fieno, rovi, sterpaglie, allo sfalcio della vegetazione e alla eliminazione di rifiuti infiammabili.
La pulizia e l'Abbruciamento devono essere realizzate entro il 31 maggio dalle ore 06.00 alleore 09.00 e  dalle ore 19 alle ore 21.00 previa comunicazione all'ufficio di polizia locale.

Sanzioni disciplinari

Normativa di riferimento Decreto Legislativo n. 165/30.03.2001.

AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI TRAMATZA

OGGETTO: pubblicità sanzioni disciplinari previste dall’art. 3 del CCNL 11.04.2008. 

PUBBLICAZIONE NEL SITO INTERNET WWW.COMUNEDITRAMATZA.IT EX ART. 55 comma 2 d.lgs. 165/2001 

Ai sensi dell’art. 7 della legge n. 300/1970 e dell’art. 3 del CCNL 11.04.2008 si pubblicano nel sito internet www.comuneditramatza.it – sezione sanzioni disciplinari - in un luogo accessibile a tutti i dipendenti le norme contenute nell’art. 3 del CCNL 11.04.2008 appresso riportate: 

Il Segretario Direttore Generale Dott. Gianni Sandro Masala CCNL 11/04/2008 CAPO I DISPOSIZIONI DISCIPLINARI Art. 3 Codice disciplinare 

  1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall’art. 55 del D.Lgs.n.165 del 2001 e successive modificazioni ed integrazioni, il tipo e l’entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati in relazione ai seguenti criteri generali: 
    • intenzionalità del comportamento, grado di negligenza, imprudenza o imperizia dimostrate, tenuto conto anche della prevedibilità dell’evento; 
    • rilevanza degli obblighi violati; 
    • responsabilità connesse alla posizione di lavoro occupata dal dipendente; 
    • grado di danno o di pericolo causato all’ente, agli utenti o a terzi ovvero al disservizio determinatosi; 
    • sussistenza di circostanze aggravanti o attenuanti, con particolare riguardo al comportamento del lavoratore, ai precedenti disciplinari nell’ambito del biennio previsto dalla legge, al comportamento verso gli utenti; 
    • al concorso nella mancanza di più lavoratori in accordo tra di loro.

       
  2. La recidiva nelle mancanze previste ai commi 4, 5 e 6, già sanzionate nel biennio di riferimento, comporta una sanzione di maggiore gravità tra quelle previste nell’ambito dei medesimi commi.

     
  3. Al dipendente responsabile di più mancanze compiute con unica azione od omissione o con più azioni od omissioni tra loro collegate ed accertate con un unico procedimento, è applicabile la sanzione prevista per la mancanza più grave se le suddette infrazioni sono punite con sanzioni di diversa gravità.

.....OMISSIS.....